Cemetery Gates

Nel Giugno del 1986, usciva il penultimo album degli Smiths:
The Queen is Dead
La quinta traccia dell’album è una canzone, Cemetery Gates, nel cui testo, l’autore, incontrando il suo interlocutore o interlocutrice, presso i cancelli di un cimitero, afferma che Keats (John)  e Yeats (William Butler) siano dalla di lui o la di lei parte, mentre Wilde (Oscar) dalla propria.
Voi da che parte vi schierate?

Cemetery  Gates (Morrissey/Marr)

A dreaded sunny day
so I meet you at the cemetery gates
Keats and Yeats are on your side

A dreaded sunny day
so I meet you at the cemetery gates
Keats and Yeats are on your side
while Wilde is on mine

So we go inside and we gravely read the stones
all those people all those lives
where are they now?
with the loves and hates
and passions just like mine
they were born
and then they lived and then they died
seems so unfair
and I want to cry

You say: “ere thrice the sun done salutation to the dawn”
and you claim these words as your own
but I’ve read well, and I’ve heard them said
a hundred times, maybe less, maybe more

If you must write prose and poems
the words you use should be your own
don’t plagiarise or take “on loans”
there’s always someone, somewhere
with a big nose, who knows
and who trips you up and laughs
when you fall
who’ll trip you up and laugh
when you fall

You say: “ere long done do does did”
words which could only be your own
and then you then produce the text
from whence was ripped some dizzy whore, 1804

A dreaded sunny day
so let’s go where we’re happy
and I meet you at the cemetery gates
Oh Keats and Yeats are on your side

A dreaded sunny day
so let’s go where we’re wanted
and I meet you at the cemetery gates
Keats and Yeats are on your side
but you lose because Wilde is on mine

 

Annunci

La Focaccia di Priano

Fugassa

Acqua, sale, farina 00, olio d’oliva, lievito di birra, il tutto cosparso di farina di polenta direttamente sulla piastra.

Ingredienti semplici a formare una tra le più magiche focacce salate liguri: la focaccia di Priano a Genova Voltri.

Ed è con il breve racconto biografico Fugassa de Utri* che iniziamo una sicuramente proficua e spero continuativa collaborazione con Gianni Priano, poeta e narratore di grande umanità e spessore.

Non c’è nulla di Gianni che possa dire meglio delle sue stesse parole, così, come già feci presentando alcune sue poesie, taglio corto e vi rimando direttamente al testo: qui.

Prima di congedarmi, una breve annotazione: vi ricordo che è possibile ricercare gli autori presenti sul sito tramite la funzione di ricerca, cosa che caldeggio vivamente per Priano, presente nel sito con poesia in lingua, poesia in dialetto molarese ed ora con scritti in prosa.

Quanto alla focaccia di Priano, posso ben dire che negli anni del liceo mi formò ben più di Kant e Pascal. 

* alcuni preferiscono la grafia “fügassa”.