L’ultimo giro dei pipistrelli – di Gianni Priano

P Cammino

Seconda parte delle poesie in dialetto molarese di Gianni Priano a cui ho dato il titolo arbitrario L’ultimo giro dei pipistrelli.

In questa seconda parte i temi si diversificano, percorrendo strade impensabili per la poesia dialettale tradizionale.

Impensabili e spiazzanti, come ogni manifestazione di un microcosmo che si fa universo.

Leggetele: QUI.

 

 

 

 

 

Annunci

Due opportunità

Avete due opportunità se aprite questa scatola musicale:
Danzare Con i Cavalieri o Guardare il Cielo.
Intanto che pensate a cosa preferire, cominciate ad alzarvi e venite a QUI a cliccare, che la cena è pronta!

“Ra differàinza”

P Differenza

Gianni Priano ci regala 9 sue poesie nel dialetto di Molare, paese dell’alessandrino sulla ex strada statale del Turchino da Ovada ad Acqui Terme per un nuovo capitolo delle Lingue dell’Altra Italia.  

Sono felice di questo dono, a lungo cercato, perché se la differenza, linguistica e non solo, è ricchezza, i dialetti sono forzieri stracolmi di espressioni, modi di dire e pensare che non devono andar perduti.

Troverete in questa prima parte delle poesie “molaresi” di Gianni Priano, a cui ho dato il titolo “Ra differàinza” (La differenza) persone, colori e suoni di uno dei presenti possibili, alternativi a quello attuale globalizzato, un presente radicato in un’antica tradizione popolare, portato oltre i propri ristretti confini territoriali da una penna profonda e leggerissima al tempo stesso.

Non vi tratterrò oltre, perché è impossibile farlo… io stesso non vedo l’ora di rileggerle!

Ricordo per i pochi rimasti che Gianni Priano è presente in questo sito anche con alcune poesie in lingua italiana, pubblicate sul numero 6 de Il babau.