“Ra differàinza” Poesie di Gianni Priano

DSCN9796

 

Da zùvu  a vghìva murì

quài c’m’parìvan

mort da sàimpr.

 

Ra differàinza a r’ è isc-ta

c’aura a mora dra giaint

c’a m’asmìa ancùra vìva

ànca dop avàila sutròia.

 

(Da giovane vedevo morire/ quelli che mi sembravano/ morti da sempre// La differenza è questa/ che ora muore della gente/ che mi sembra ancora viva /anche dopo averla sotterrata.)

 

R Molare Grigio

Negrini

Ar Murère i èran du bìci

quàra d’ Pièru dra Fermàcia

e quàra d’monsù Bettulèn

d’l’Usc-tarìa. L’ arrìva impruvvìs

ir pusc-tèn:  vo a de in tirigròm

a Tubìa, ir Dìcca, a r’ Urbsgèlla.

D’in Segnù, bell’ e sc-càuz

am fozz du ùre d’ cammèn. E

sì ir Dìcca u m’ do dui sod

d’argiàint e na sgiòtta id pòsc-ta

cun i fonz. A por na quintùlla

na fòla. A m’ cot na cròva

c’ d’ nocc  a pedòla.

 

(A Molare c’erano due bici/ quella di Piero della Farmacia/ e quella del signor Bettolino/ dell’Osteria. Arriva improvviso/ il postino: vai a dare un telegramma/ a Tobia, il Duca, all’ Olbicella./ Di un Signore, bello scalzo/ mi faccio due ore di cammino. E/ su il Duca mi da due soldi/ d’argento e un piatto di pasta/ con i funghi. Sembra una fiaba/ una favola. Mi compro una capra/che di notte pedala.)

R Priano Negrini

 

Divan c’a tirè
i grop da Cò d’ Bedèn
fenna ans ra sc-trò
i eran di zuvnòt, lingère
o urùc mandoi dai frò
c’ Bedèn l’era mort
fora da ra Grozia, sg-neiò
ant ir pcò murtòl. L’era
ien d’quai c’manc
quanda ir chì u s’ fò frisc-t
ra dan venta a quar balùrd
id Crisc-t.

 

(Dicevano che a tirare/ i massi da Casa di Bedìn/ fin sulla strada/ erano dei giovanotti, legère/ o scemi mandati dai frati/ che Bedìn era morto/ fuori dalla Grazia, annegato/ nel peccato mortale. Era/ uno di quelli che nemmeno/ quando il culo si fa frusto/ la danno vinta a quel balordo/ di Cristo.)

 

R Molare Mattone

Gròtme ra sc-caina, le diceva il padre

so pòre, Pinu ir  vegg , alùra zùv

e u fova fragg, fiucòva dapertìtt

gh’ ea  neive fin in letto , otr c’ancòi

che te ne vai tic tac con i taccàtt.

 

Rosi  a r’è morta, però io mica avevo

bisogno che morisse per savàì

c’ ra mort  a  i  è, esiste, e ci accompagna

come un barboncino, sai quei besti

vestiti da cristiani, il cappottino

tutti  carini fino a che te gìan

na dentà  do casso ant  in  carcògn.

 

Rosi  a r’è  morta, puf, come si dice

e si dirà quest’oggi al funerale

a ra  fnì  id patì, pezo pe niatri

che no a vediemo ciù, con ra so foccia

da brava persona, aperta a una risata

e a divorare un marito dietro l’altro

che poi lo sa lei quanti  rosc – pòz

ansàm a quai marì u i è tuccò

cacciè zì e quant  bicarbunò .

Rosi  a r ‘ è andòia cor so nomme fiorìo

a  grattè ra sc – caina ar Padretern.

 

(Grattami la schiena, le diceva il padre/ suo padre, Pino il vecchio, allora giovane/ e faceva freddo, pioveva ovunque/ c’era neve perfino nel letto, altro che oggi/ che te ne vai tic tac con i tacchetti// Rosi è morta però io mica avevo/ bisogno che morisse per sapere/ che la morte c’è, esiste e ci accompagna/ come un barboncino, sai quei “besti”/ vestiti da cristiani, il cappottino/ tutti carini finché non ti appioppano/ una morsicata del cazzo in un calcagno.// Rosi è morta, puf, come si dice/ e si dirà quest’oggi al funerale/ ha finito di soffrire,  peggio per noialtri/ che non la vedremo più con la sua faccia/ da brava persona, aperta a una risata/ e a divorare un marito dietro l’altro/ che poi lo sa lei quanti rospacci/ insieme a quei mariti le è toccato/ mandare giù e quanto bicarbonato./ Rosi è andata con il suo nome fiorito/ a grattare la schiena al Padreterno.)

Noticina : la poesia è scritta nelle tre lingue parlate da Rosi : il piemontese, il ligure e l’italiano.

 

R Molare Verde

A n’ savrò pì d’avaive uscì cscì bain
e u’ n’mancrò pì ir nosc-tr manchese ansàm
cmè quora romma perdìa drainta ir mò
c’ a n’ so nainta , urmoi, d’primavere o esc-tò.

(Non saprò più di avervi voluto così bene/ e non mi mancherà più il nostro mancarci insieme/ come quel ramo perduto dentro il  mare/ che non sa niente, ormai, di estati e primavere.)

R Priano Sonno

Annunci