Poesie – di Alessandro Guasoni (Il babau n. 9)

RELEUIO

A figgia che, tanti anni fà, a me pàiva

a ciù bella do mondo, pe-o sorriso

pe-i euggi de profonda ciaea veitae,

ancheu, piggiâ da-o tempo in ta seu corsa,

a s’é con tutti i ätri incamminä:

a l’é assettä derê a ’na scrivanìa

e a l’impe feuggi e feuggi di seu conti.

A conta i méixi, i giorni, e ôe, i menuti

do seu tempo, do mae, de tutti quanti,

sensa stancâse mai. No serve dîghe

che prinçipio no gh’ha o tempo, né fin;

no se proviëmo mai a domandâghe

o perché do destìn di nostri anni,

faeti de sbagli, d’ombra, de frecciamme.

Sensa fermâse, sensa dubbi ò puìe,

a segna o tempo de l’eternitae.

 

Orologio

La ragazza che, tanti anni fa, mi sembrava

la più bella del mondo, a causa del sorriso,

dei suoi occhi di profonda, chiara verità,

oggi, catturata dalla corsa del tempo,

si è incamminata insieme con tutti gli altri:

è seduta ad una scrivania

e riempie fogli su fogli con i suoi calcoli.

Conta i mesi, i giorni, le ore, i minuti

del suo tempo, del mio e di tutti,

senza mai stancarsi. Inutile dirle

che il tempo non ha principio, né fine:

non proveremo mai a domandarle

il perché del destino dei nostri anni,

fatti di sbagli, d’ombra, di rottami.

Senza fermarsi, senza dubbi o paure,

essa calcola il tempo dell’eternità.

 

 

Freve Rossa

 ’Na freve rossa a cöre sott’a-e cöse,

de facce conosciùe son faeti i canti

de case, e scorse di èrboi, e ombre di monti,

d’antiga gentilessa e antigo önô

ne fremme o sangue.

 

Nint’ätro a questo giorno poëmo offrî

che o nòstro nomme, o nòstro nùo respìo,

de muxichette, de demôe e comete,

e un palassio lasciòu andâ in rovinn-a

primma d’ëse finìo.

 

Fòscia l’è bello avéi ancon da nasce,

un sciòu aççéiso ëse, d’aegua e prìa;

sensa bruttâse e moén con o destìn

tornâ a-e onde do mâ,

a-e ciaebelle inaiae de ombre profonde.

E tutta a nòstra luxe

a l’é ancon d’ëse figgi a-i nòstri poae.

Febbre rossa

Rossa una febbre corre sotto agli oggetti;

gli angoli delle case, le cortecce degli alberi,

le ombre dei monti, sono fatti di volti noti,

il nostro sangue freme

di antica gentilezza e antico onore.

Nient’altro possiamo offrire a questo giorno

se non il nostro nome, il nostro nudo respiro,

qualche musichetta, alcuni balocchi ed aquiloni,

ed un palazzo lasciato andare in rovina

prima che fosse terminato.

Forse è bello non essere ancora nati,

essere un fiato acceso, di acqua e pietra;

senza sporcarsi le mani con il destino

tornare ale onde del mare,

alle lucciole confuse delle ombre profonde.

E tutta la nostra luce

sta ancora nell’esser figli dei nostri padri.

 

 

A stella do navegante

Doppo l’aegua da neutte

ho incontròu pe cammìn

o mae cheu drent’a ’n lago de cristallo

fermo e luxente comme a stella diann-a;

gh’éa deslenguòu de nòtte de violin.

 

Vento, no stâ a innorbî

queto mae spëgio: no ghe n’é ätro a-o mondo

e chi mì segge no-o saviae ciù dî.

La stella del navigatore

Dopo l’acqua della notte

ho incontrato per la strada

il mio cuore in un lago di cristallo,

fermo e lucente come la stella diana;

vi si erano sciolte note di violino.

Vento, non accecare

questo mio specchio, non ve n’è altro al mondo

e non saprei più dire chi io mi sia.

Annunci

2 pensieri su “Poesie – di Alessandro Guasoni (Il babau n. 9)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...