Divina – di Maurizio Puppo (Il babau n. 9)

C’è un sogno a parlare di me,

un canto in un passo di strada.

 

Divina, ancora i suoi fiori sul volto,

vent’anni e un sospetto di colpa

dipinto sul labbro impaziente –

tradisce promesse non fatte ad

alcuno – il suo paradiso è la

stanza sul vicolo cieco, oppure

una tenebra fresca d’amore,

là dove l’attende un complice

ignaro. Non ama che i giorni

trascorsi, amati mai prima –

ripensa talvolta al figlio

che ha avuto nel sonno, così,

senza intese, a piccoli passi

d’amore – non l’ha conosciuto,

ne parla distratta a chi la

accarezzi per poco, per niente.

Lei balla blasfema sul vuoto, e

adesso già attende la fine,

che certo accadrà.

Annunci

2 pensieri su “Divina – di Maurizio Puppo (Il babau n. 9)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...