Due Poesie – di Giovanni Asmundo

striscia002
Parodo
 
Quando avremo finito di dimenticarci di noi stessi

e saremo scomparsi del tutto
 
resteranno soltanto le pietre,
restituite alle pietre.

Resteranno le querce immortali
sullo sfondo del bianco più solenne.
Il ronzio dell’ape insistente
nella calura che schiaccia.

E sciare nere che scivolano in mare
franando, di tanto in tanto.
 
 
Belice
 
Nascondemmo il pane

sotto le stesse pietre

con cui coprimmo i piedi ai nostri morti.
 
Non cade una goccia
sui tuoi occhi disseccati
per troppo lucido senso.
Annunci

4 pensieri su “Due Poesie – di Giovanni Asmundo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...